Porto Livorno 2000   /  Azienda   /  Notizie   /  Dettaglio notizia

Porto 2000 a Malta per l’Assemblea Generale di MedCruise

Comunicato Stampa

Crociere

Porto 2000 a Malta  per l’Assemblea Generale di MedCruise


Al rientro dalla missione speciale a Malta in occasione della 52° Assemblea Generale di Medcruise, il Presidente di Porto di Livorno 2000, Luciano Guerrieri fa il punto sulla partecipazione agli workshop organizzati e sugli incontri b2b avuti con gli armatori presenti nelle sessioni appositamente dedicate a questi colloqui.
La delegazione, guidata dal Presidente era composta da Giovanni Spadoni, Direttore Tecnico & Commerciale e Fabrizio Mazzei, Port Operation Manager.

Nel primo workshop dal titolo: “Trends in the Med”, dopo una prima presentazione delle statistiche sul traffico crocieristico nel Mediterraneo, i tre degli importanti armatori presenti hanno fatto il punto sui prevedibili sviluppi del traffico nel Mediterraneo nei prossimi anni. Alla luce delle nuove costruzioni previste entrare in servizio a breve le prospettive sono rosee ma i porti dovranno attrezzarsi con le infrastrutture necessarie a ricevere navi sempre più grandi che trasporteranno fino a oltre 6 mila passeggeri a scalo. Le previsioni di ciascuno porto dipenderanno da come riusciranno a dotarsi di banchine e terminal adeguati per competere in questo mercato sempre più complesso. I porti dovranno predisporre inoltre un sistema logistico sempre più integrato con i territori per evitare i congestionamenti anche nelle destinazioni più popolari. Molta attenzione è data dagli armatori alla situazione geo-politica in Nord Africa ed in Asia Minore e solo una normalizzazione in questo senso potrà aggiungere traffico a quello già previsto nei prossimi anni. Sono stati indicati primi segnali di ripresa che riguardano Tunisi ed Istanbul.
Nel secondo workshop “LNG e new regulations” tecnici particolarmente esperti nelle nuove tecnologie  green hanno dialogato con i Direttori dell’ itinerary planning per segnalare lo stato dell’arte del settore con la prevista entrata in servizio  di navi propulse a LNG. Gli Itinerary Planners hanno sottolineato la necessità per i Porti di dotarsi di centrali di distribuzione a LNG a mezzo bettoline, perché  in questo modo tali Porti saranno i più competitivi per la scelta degli itinerari e quindi questo sarà particolarmente incisivo per il numero degli scali schedulati. E’ da notare che a fronte di una autonomia prevista per le grandi navi a metano di


circa 15 giorni il solo porto di Barcellona al momento è in grado di fornire questo servizio. “Noi abbiamo fatto presente che il Porto di Livorno si sta attrezzando in tempi brevissimi per la fornitura di LNG alle navi con il progetto presentato all’Autorità di Sistema Portuale da imprenditori locali del settore”, commenta il Presidente Luciano Guerrieri.
Nel terzo workshop “Ship Building and Port Development” si è discusso nel dettaglio delle caratteristiche delle nuove navi e sulle infrastrutture necessarie.
Nell’ultimo, workshop quello forse più interessante per il nostro porto, dal tiolo  “Cooperation between ports destinations and cruise companies” è stata illustrata la necessità di gestire l’accoglienza, coinvolgendo porti, territori e linee da crociera per sfruttare al meglio le risorse esistenti. A questo proposito notiamo che il Porto di Livorno è all’avanguardia sia per aver promosso lo studio sull’impatto economico del crocierismo in Toscana sia per il dialogo diretto e continuo con le amministrazioni locali e con gli operatori del turismo nella nostra città  e nei territori limitrofi fungendo anche come soggetto catalizzatore di iniziative ed azioni di promozione.
Durante le sessioni sono stati incontrati ben 13 rappresentanti di linee da crociera importanti appartenenti ai gruppi armatoriali che scalano Livorno e nuovi possibili clienti. L’attenzione di tutti è evidentemente catalizzata sul processo di privatizzazione in corso e sugli sviluppi futuri. “Le prospettive di Livorno rimangono comunque molto buone sia per l’anno in corso sia per il 2019 e tutti gli armatori hanno apprezzato i servizi e la qualità con cui Porto di Livorno 2000 opera. E’ importante che gli itinerary planners siano risultati al corrente degli sviluppi nelle infrastrutture e sui servizi collaterali svolti da Porto 2000 (forniture di provviste, security etc). In particolare, abbiamo accertato che gli uffici operativi siano stati informati dell’ultimo dragaggio e dell’allargamento del canale di accesso al porto”, conclude Guerrieri.
Particolare attenzione è stata rivolta agli incontri con la stampa internazionale a cui sono stati comunicati gli aggiornamenti del nostro porto e le prossime iniziative in programma in particolare il prossimo Seatrade Med a Lisbona.

Livorno, 30 maggio 2018